domenica 25 ottobre 2009

West Ham - Arsenal 2-2

Ottimo punto conquistato in casa contro il temutissimo Arsenal: partita che ci vede andare sotto di due goal dopo la prima frazione di gioco, ma che ci vede poi rimontare splendidamente riportando in parità il punteggio nella seconda frazione di gioco.
Una partita che doveva portarci punti in cascina e che per fortuna è stata riportata sul retta via.
Gli Hammers non meritavano di perdere così largamente nella prima frazione di gioco, come non meritavano di fare due goal nella ripresa, per fortuna comunque c’è stata una giustizia divina.
La classifica è ancora altamente deficitaria, ma il risultato spero ci dia morale per ricominciare a vincere e a rimetterci in corsa per la salvezza. Avevo detto che ci servivano minimo cinque punti in tre gare, ore ne abbiamo preso uno, dobbiamo fare una vittoria assolutamente contro il Sunderland.

Formazioni.
West Ham: Green; Spector, Tomkins, Upson, Ilunga; Behrami, Parker, Noble, Collison; Cole, Franco. A disposizione: Kurucz, Kovac, Faubert, Da Costa, Diamanti, Hines, Stanislas.
Arsenal: Mannone; Sagna, Gallas, Vermaelen, Clichy; Eboue, Song Billong, Fabregas, Diaby, Arshavin; van Persie. A disposizione: Almunia, Nasri, Eduardo, Ramsey, Silvestre, Gibbs, Bendtner.
Zola sembra leggere il mio blog, quando lascia in panchina Faubert, preferendogli Spector: l’americano non farà una grande gara, ma almeno non commette gli errori colossali di quell’altro.
Cronaca.
Inizio di partita effervescente con l’Arsenal che attacca immediatamente al primo minuto di gioco e Van Persie arriva a concludere con un difficile colpo di tacco respinto in calcio d’angolo da Upson (non concesso poi dall’arbitro).
Sul ribaltamento di fronte, C. Cole va alla conclusione di piattone destro (dopo una percussione di Noble) respinto da un difensore dell’Arsenal.
L’inizio di gara scoppiettante, non si ferma, azione sulla sinistra di Noble, il quale mette un interessante pallone al centro, messo fuori da Vermaelen.
All’11’ min., azione in sfondamento di Van Persie, il quale arriva alla conclusione di destro, respinto di mano da Noble: braccio staccato dal resto del corpo ma conclusione troppo ravvicinata perché determini un calcio di rigore.
14’ min. annullato un goal a Collison; difficile valutare la posizione di Cole al momento del colpo di testa che smarca il nostro centrocampista, secondo me era in posizione regolare, comunque goal annullato. Sul capovolgimento di fronte, triangolazione che manda al cross Sagna, Green esce malamente, di fatto, appoggiando il pallone tra i piedi di Van Persie, l’olandese facilmente sigla il vantaggio dei suoi. I gunners vanno in vantaggio, ma quanta sfortuna abbiamo?
Il West Ham sposta il baricentro in avanti, al 21’ min. Cole lotta come un leone su un pallone in area, la palla arriva a Noble, il quale concludendo sul primo palo quasi sorprende Vito Mannone; il portiere con un bel guizzo riesce a mettere in corner.
Al 26’ min., ancora pericolo l’Arsenal con un colpo di testa dello scatenato Van Persie, il giocatore olandese spizzica di testa un crossi di Arshavin mettendo la palla fuori.
Al 32’ min. torniamo a farci vedere in attacco con un colpo di testa di C. Cole che sfiora il palo. Il nostro attaccante si fa’ anche male staccando di testa, ovviamente in questo periodo in cui non ne va diritta una, la palla esce.
Il raddoppio dell’Arsenal arriva al 36’ min., calcio d’angolo battuto da Van Persie, non riusciamo a contrastare gli avversari di testa e Gallas insacca in porta (inutile anche Parker sul palo).
Un primo tempo non così negativo dal punto di vista del gioco come invece esprime il risultato; i nostri, non dico che meritassero il pareggio, ma un goal di scarto era sicuramente un punteggio più equo per i valori espressi in campo.

Inizio ripresa subito con i Gunners in attacco, azione offensiva di Ebue, per fortuna la nostra difesa riesce a salvarsi in calcio d’angolo.
Gianfranco Zola è pensieroso in panchina, con le mani congiunte a mo’ di preghiera. Non riusciamo a mettere pressione in fase offensiva di conseguenza l’Arsenal non va mai in difficoltà.
Arshavin incontenibile sulla sinistra, salta Spector con una finta e mette un splendido pallone teso in mezzo, per fortuna nessun compagno segue l’azione del russo (54’ min.).
E’ il 55’ min, quando entra Diamanti in sostituzione di Noble; proprio l’ex livornese prova un tiro dalla distanza, pochi minuti dopo, ma la sua conclusione e lenta ed esterna rispetto alla porta difesa da Mannone.
Il West Ham non riesce a imbastire un’azione degna di nota, e l’Arsenal può controllare tranquillamente con i suoi palleggiatori di centrocampo.
Al 62’ min. splendido tiro dalla distanza di Fabregas che esce veramente di un niente rispetto all’incrocio dei pali sinistro della porta di Green.
Mancano ancora ventisette minuti quando Hines sostituisce un evanescente Franco: sicuramente non positiva la prova dell’attaccante arrivato negli ultimi giorni di mercato.
La prima conclusione verso la porta della ripresa arriva al 66’ min., con Cole: i nostri due attaccanti sbagliano i movimenti offensivi, facilitando la chiusura della difesa dei gunners, nonostante ciò la palla giunge in qualche modo al nostro centravanti, tuttavia Cole in girata conclude alto.
Tre minuti dopo, ottima occasione per Hines, il nostro attaccante viene servito splendidamente da Alessandro Diamanti, ma cincischia troppo facendosi recuperare.
Grande percussione di Fabregas, che taglia fuori quattro dei nostri, scarica al limite dell’area per Arshavin, il quale conclude a rete, ma Green mette in corner. Se nelle ultime due stagioni Green era stato strepitoso, in questo inizio di stagione il nostro portiere (nonché quello della nazionale ha commesso troppi errori).
Punizione splendida di Diamanti, respinta di Mannone, arriva Cole di testa che insacca riportandoci in partita. Insulto Cole perché perde tempo a esultare invece di correre verso la nostra metà campo: ma cosa si esulta che stiamo perdendo…
Due minuti dopo, incredibile rigore non concesso per fallo su Parker in percussione!
E’ il 78’ min., quando Cole viene abbattuto in area di rigore da Song, questa volta l’arbitro concede la massima punizione (probabilmente influenzato anche dalla precedente decisione), mischia furibonda prima dell’esecuzione, si perde un sacco di tempo e Mannone viene ammonito. Dal dischetto va Alessandro Diamanti che ci riporta in parità! Due a Due, mancano dieci minuti, Zola in panchina è incontenibile.
Mancano otto minuti al novantesimo quando Wenger inserisce Bendtner per Eboue, per aumentare il peso offensivo dei suoi.
Due minuti dopo, ingiusta espulsione di Parker, il quale commette si fallo in recupero su Fabregas, ma non ha senso ammonire per una cosa del genere (era il secondo giallo ovviamente)!
Al novantesimo, grandissimo lancio di prima intenzioni Diamanti che innesca Cole, il quale non riesce a concludere a rete; trenta secondi dopo, l’Arsenal ha un’occasione colossale con Bendtner di testa, ma Green questa volta è stellare e salva il risultato.

Probabilmente era buono il goal di Collison nel primo tempo perché Cole era in linea, il rigore concessoci è la somma dei due interventi fallosi in area (quello su Parker più quello su Cole).
Zola deve comunque trovare una soluzione immediata per il terzino destro, perché sia Foubert sia Spector non si sono rivelati all’altezza della categoria. Ottima prova di Diamanti protagonista su entrambi i goal, male invece Guillermo Franco che sinceramente non capisco perché sia stato schierato dal primo minuto.

3 commenti:

pinci58 ha detto...

...ho finito la partita in piedi sul divano....vabbè è andata bene così.
Ottimo il cambio di ritmo a metà ripresa...ho apprezzato la voglia e la grinta della squadra che ci ha sempre un minimo creduto.
Un punto non risolve tutto, ma forse quello che manca adesso è la convinzione dei nostri mezzi e ieri è sta una iniezione di fiducia.
Go Hammers!

alfredo ha detto...

vedere il West Ham recuperare due goal all'arsenale e comunque avere nelle gambe e enella testa la forza di arrivare all'obiettivo mi ha risollevato da una domenica di amarezze infinite. questa squadra è giovane e ingenua per certi versi ma ha un gran carattere che sicuramente le permetterà di salvarsi...Cosa che non posso dire per l'altra squadra che prende il mio cuore...I vergognosi 11 che vestono indecorosamente la maglia biancoazzurra. Li inviterei volentieri a vedersi una partita degli hammers...Sti squallidi!
Come on hammers! avanti lazio solo la maglia!

Jacopo ha detto...

Dopo il primo tempo avevo messo l'anima in pace ed ero già pronto ad una stagione di Championship, poi...

Comunque Diamanti sta facendo davvero un ottimo campionato, se avesse più assistenza secondo me potrebbe davvero svoltare con questa esperienza